04 febbraio 2009

Facebook ergo sum

Ho sottovalutato il coso e la sua portata. Ho sbagliato completamente la mia valutazione.
Ho capito solo ora la sua importanza fondamentale nella vita di un individuo: se non sei su/in Facebook non esisti.
All'inizio pensavo fosse il capriccio di pochi: "Dai, iscriviti su Fb che così ci scriviamo!".
Ma se hai la mai mail e il mio numero di telefono (e non paghi né telefonate né sms perché siamo colleghe) perché mai devo iscrivermi su Fb? E se non ti bastassero i due precedenti mezzi di comunicazione, puoi lasciare un commento nel mio blog che male non m farebbe.

Ma io non esisto. Su Fb si organizzano le serate in disccoteca, ci si mette d'accordo per andare a vedere un film o andare a bere una birra. E se tu non fai parte della rete di amicizie non saprai mai cosa stanno facendo i tuoi amici, perché a nessuno passa per la mente che ci sei anche tu. Che sei dall'altra parte del telefono. Che ce l'hai sempre acceso nella speranza che vibri annunciandoti un messaggio. Che nel fine controlli la posta elettronica come tutti gli altri giorni.


No, non sei su Facebook quindi non esisti.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Consolati siamo in due a non eistere... o forse esistiamo in una realtà parallela... il "Mezza Mela Social Network"

GIACOMO

Pimpirulin ha detto...

Un social network di mezze mele? Per fortuna siamo solo in due, altrimenti poteva sembrare un posto per cuori solitari o peggio un'agenzia matrimoniale!
E io con Marta Flavi non ho molto da spartire...